Guarire con gli asini: i benefici dell’onoterapia

 

Negli ultimi anni cani, gatti e cavalli vengono utilizzati nelle terapie per curare disturbi fisici e psichici. Tuttavia ci sono anche altri animali che si sono dimostrati validi per cure riabilitative, tra cui gli asini.

Praticata da diverso tempo in Europa e Stati Uniti, l’onoterapia in Italia è ancora poco diffusa: a Roma solo l’ospedale di Genzano “Fatebenefratelli” ha una fattoria dove vengono accuditi asini per l’onoterapia. Eppure questa particolare pet therapy si è dimostrata molto efficace nell’alleviare i sintomi di malattie gravi e invalidanti, come l’autismo, l’Alzheimer e molto patologie psichiatriche. Ma gli asini possono aiutare anche chi, a seguito di traumi o relazioni diseducative, presenta problemi comportamentali o legali alla sfera emotiva e affettiva. Anche gli anziani, i tossicodipendenti e i disabili trovano giovamento nel relazionarsi con questi animali.

Ma come funziona l’onoterapia, e sopratutto perché è utile? Grazie al loro carattere docile, accogliente e quasi del tutto privo di aggressività, l’asino instaura facilmente un rapporto empatico con l’utente, che attraverso la cura dell’animale, ritrova l’autostima e la sicurezza in sé, colmando quei deficit cognitivi e psichici da cui è afflitto. Le persone, guidate da un gruppo di professionsti, interagiscono con l’asino acccudendolo, accarezzando il pelo morbido, spazzolandolo: in altre parole l’utente instaura una relazione affettiva ed empatica con l’animale. Questa relazione apporta numero benefici, tra cui:

  • Sviluppo delle capacità relazionali con l’animale tramite linguaggio non-verbale.
  • Accedere al proprio mondo emotivo mediante il rapporto con l’animale.
  • Sviluppo della consapevolezza di sé e dell’Altro.
  • Accrescimento della capacità di prendersi cura dell’Altro.
  • Sviluppo dell’autonomia nelle scelte personali e nelle attività con l’animale
  • Sviluppo capacità empatiche e di aiuto reciproco
  • Miglioramento  delle condizioni fisiche, psicologiche ed emotive degli assistiti
  • Ritrovare la propria dimensione affettiva tramite la relazione con l’asino

Nonostante siano stati denigrati per secoli, gli asini in realtà sono intelligenti, sensibili, empatici, collaborativi e, sopratutto, mai . Per questo questi splendidi animali si sono rivelati dei preziosi alleati per allevviare le sofforenze dei pazienti affetti da disturbi fisici e psichiatrici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: